Concorso ex Stazione Ferroviaria Cividale del Friuli (2013)

Descrizione del concorso e della proposta

Il concorso aveva come obiettivo la riqualificazione della ex stazione ferroviaria del comune di Cividale del Friuli e la zona antistante (Piazza e Parco).

L’immagine più conosciuta e rappresentativa che può identificare la Prima Guerra Mondiale è certamente quella della trincea. Giuseppe Ungaretti descrive i soldati rifugiati a combattere nelle trincee come le lumache nel loro guscio. Così il tema della trincea diventa manifesto per l’elaborazione dell’ampliamento del vecchio edificio della stazione e la conversione nel nuovo museo della Prima Guerra Mondiale.

L’ingresso avviene scendendo dalla quota 0.00 del terreno alla quota -2.00, già qui è evocativo che l’ingresso all’edificio non avvenga alla quota della strada, bensì si chiede al visitatore di scendere sotto terra come erano i soldati a combattere sui pendii del Carso negli anni della Grande Guerra.

La discesa avviene dalla piazza antistante la stazione per mezzo di una scala o lungo la fascia che si sviluppa longitudinalmente e configura delle rampe che permettono la discesa alla quota di ingresso. L’ingresso avviene da uno dei due lati corti dell’edificio.

Le facciate nord e sud sono mantenute inalterate per segnare il forte carattere che identifica la preesistenza della stazione, all’interno il corpo di fabbrica viene completamente svuotato (anche dei due lati est e ovest) e riprogettato.

Gruppo: Trainini Emanuele, Rezzola Ivan, Pagani Matteo, Manenti Davide